460 Shares 3577 views

Constellation Lyra – piccola costellazione dell'emisfero boreale. Stella Vega nella costellazione della Lira

cielo estivo nella notte senza nuvole è particolarmente bello. Sembra che il numero di sfarfallio punti sulla testa dopo l'inverno è aumentato più volte. Nell'emisfero settentrionale, quasi al centro della cupola celeste, a destra si noterà un bel stella luminosa sopra la parte superiore dello spettatore. Questo è Vega, l'alfa della costellazione Lira, una piccola figura celeste, si trova in tale zona con gli ultimi giorni di primavera fino a metà autunno. Immagine di antico strumento musicale, nonostante le sue dimensioni modeste rispetto ai suoi vicini, ha da tempo attirato gli occhi degli astronomi.


Impostazione e la forma

Constellation Lyra contiene 54 luce, visibile dalla Terra a occhio nudo. I suoi vicini più prossimi sono in cielo Swan, Ercole, Drago e Chanterelle. Trova il punto più luminoso della figura, Vega, molto semplicemente, non solo a causa della sua posizione. Alpha Lyra – uno dei vertici del triangolo estivo asterismo, composto interamente di stelle molto luminose e ben visibili. Altri due angolo del suo Deneb designato nel costellazione del Cigno e Altair, riferendosi a l'aquila celeste.

La forma della costellazione della Lira assomiglia ad un quadrilatero, tutti i vertici che sono chiaramente visibili in una notte limpida. A poca distanza da uno di loro è Vega.

Constellation Lyra Leggenda

Come sapete, questa figura celeste porta il nome dell'antico strumento musicale. Nell'antica lira greca a base di gusci di tartarughe. In onore dell'animale e chiamare lo strumento: la parola "lira" significa "tartaruga". Secondo la leggenda, il primo tale oggetto è in grado di pubblicare i suoni melodici, ha dato la gente Hermes. Lear è sempre accompagnato dalla cantante mitico Orfeo. Secondo la leggenda, la sua musica e la sua voce affascinato gli dei e gli esseri umani. Dove potrebbe essere sentito il suono della lira, i fiori sbocciano e gli uccelli cantavano. A Orfeo era un destino difficile: ha perso la moglie, Euridice, andò da lei nel regno dei morti, ha cercato di tornare, ma all'ultimo momento, ha violato una delle principali condizioni di Ade. Dopo aver perso la sua amata Orfeo gettato lira e ha lasciato in silenzio e nel dolore vivere la loro vita. Dei blagogovevshie prima che il suono dello strumento, lo alzate al cielo e fatto una costellazione.

Gli amanti

Stella Vega associato con descrizioni separati che hanno origine orientale. Giapponese e la mitologia cinese si riferisce con una bella dea, si innamorò di un mortale. Il giovane collocato anche sul cielo: questo è Altair della costellazione di Eagle. Il padre della dea, venne a sapere il segreto dell'amore, arrabbiato, e proibì la figlia per incontrare gli eletti. Da allora, Vega e Altair condivide il fiume celeste, la Via Lattea. L'amore è dato di incontrare solo una volta all'anno, il settimo di luglio, quando migliaia quaranta costruire un ponte tra loro. Alla fine della dea notte lei torna lacrime amare e lamenta la separazione. gocce salate visto dalla Terra come cadere meteore Perseidi.

alfa

La stella più luminosa della costellazione della Lira ha da tempo attirato gli occhi non solo di narratori. Lei è sempre stata scienziati interessati. La posizione unica della luce e la visibilità ha portato a che oggi Vega – una delle stelle più studiati nello spazio.

Luminoso si colloca al quinto posto in tutto il cielo, e la seconda nell'emisfero settentrionale, dopo Arcturus. magnitudine apparente Vega – 0.03. Essa appartiene alla classe di oggetti spettrale A0Va, la sua massa è superiore a 2,1 volte il sole, e il diametro – 2.3.

luce del futuro

Stella Vega – gigante blu e bianco. Secondo gli scienziati, brilla già 455.000 anni. Per un uomo è una cifra impressionante, ma per gli standard dell'universo Vega non vive troppo a lungo. Per confronto, il sole illumina il nostro sito galassia è già di 4,5 miliardi di anni. L'intensità della radiazione e altre caratteristiche non permettono la stella principale della Lyra esistono anche per lungo tempo. Gli astronomi prevedono Vega estinzione e distruzione anche dopo circa 450.000 anni.

standard

Grazie alla sua posizione Vega è ben compreso che, a sua volta, ha servito come la sua approvazione di un certo standard in astronomia. Dalla metà del 19 ° secolo per la sua brillantezza è stato determinato grandezze di diverse centinaia di stelle. Vega era uno dei sette stelle situato ad una distanza dal sole che non distorce il pulviscolo proveniente dal loro radiazioni, sulla base delle quali è stata perfezionata dal sistema fotometrico UBV, che permette di determinare alcuni parametri fisici delle stelle.

Nonostante lo studio Vega apparentemente completa, ci sono una serie di questioni che non hanno ricevuto risposte esaurienti ad oggi ad esso associati. Uno di loro mina la "reputazione" Alpha Lyrae come standard in astronomia. Nel secolo scorso è stato trovato "problemi" nella luminosità della stella. I dati ottenuti hanno dimostrato che oscilla. In questo caso, Vega è attribuita a stelle variabili. Non esiste un unico parere su questa materia ancora.

rotazione

Negli anni '60 del 20 ° secolo e ha ottenuto in discussione la solita definizione di classe spettrale Vega. Si è scoperto che Alpha Lyrae è troppo caldo e luminoso per i membri standard del loro tipo. Il fatto non ha ottenuto una spiegazione decente fino al 2005, quando è stata trovata la soluzione.

Si è scoperto che Vega ad alta velocità ruota attorno al suo asse (in prossimità della cifra all'equatore raggiunge 274 km / s). In tali condizioni, cambia la forma dell'oggetto spazio. Vega non è una palla più o meno regolare, ma un'ellisse, allungato all'equatore e schiacciata ai poli. Di conseguenza, contrariamente alle solite periferia nord e sud delle stelle sono più vicini al nucleo rovente rispetto alla zona equatoriale. Polo riscaldato più forte, bagliore luminoso.

Questa ipotesi è emersa negli anni '80 del secolo scorso ed è stata confermata da osservazioni nel 2005. Ciò spiega anche la luminosità anomala della stella e la sua luminosità.

disco

Vega caratterizzato ulteriore caratteristica: ha il disco di polvere circumstellare. E 'stata la prima stella, che aveva trovato una formazione simile. Disk è costituito dai resti di oggetti cosmici, scontrandosi con l'altro in prossimità della stella.

azionamento di apertura ha preceduto la scoperta di emissione infrarossa eccesso Vega. Oggi, tutta la luce con tale caratteristica, denominata "vegapodobnye".

Alcune caratteristiche della struttura disco di polvere suggerisce che Alpha Lyrae intorno a un pianeta enorme rotante come Jupiter. Mentre questi dati non è confermato, ma se succede, Vega sarà la prima stella luminosa, avente un pianeta.

beta Lyrae

Tra l'interesse di celeste strumento musicale non è solo Vega. Constellation Lyra ha diversi molteplici sistemi stellari. Scholarly attenzione attrae principalmente Beta Lyrae, Beta Lyrae. Appartiene alla eclisse luminari variabili. Il sistema è composto da un luminoso nana blu-bianco e un grande, ma più opaco stella bianca, appartenente alla sequenza principale. Essi sono separati da 40 milioni di chilometri, che gli standard cosmici, molto poco. Come risultato, il materiale da uno dei partner scorre continuamente all'altro.

Passando da una forma di gas "donatore" attorno al disco di accrescimento "destinatario". In questo caso, entrambe le stelle sono circondati da un involucro comune dei gas, dà continuamente una parte della sua sostanza nello spazio circostante.

Inizialmente, il rapporto di massa dei compagni di guardare in modo diverso. donatore di oggi è stato più impressionante. Nel corso del tempo, si è trasformato in un gigante, e cominciò a rinunciare alla loro sostanza. Ora il suo peso è stimato a 3 solare, che tale parametro compagno è 13 massa del nostro luminare.

A una certa distanza dalla coppia principale è la terza stella, Beta Lyrae V. bright è di 80 volte superiore a quella del sole. Beta Lyrae B si riferisce alla doppia spettroscopica (periodo è di – 4,34 giorni).

epsilon

Constellation Lear e ha un sistema stellare costituito da quattro componenti. Questo Epsilon Lyrae è diviso in due componenti Epsilon Epsilon 1 e 2, anche se visto con binocoli. Ognuno di loro è una coppia di stelle. Tutti e quattro i componenti – stelle bianche, appartenenti alla stessa classe spettrale di Sirius. Epsilon 1 e 2 ruotano con un periodo di 244.000 anni.

Sfera e anello

Quasi tutta l'immagine celeste vanta bella nebulose nel loro "territorio". Non fa eccezione e la costellazione della Lira. Foto dell'oggetto spazio, che si trova tra la beta e gamma Lyrae, dà una chiara idea circa l'origine del suo nome. Nebulosa Anello sua forma, infatti, ricorda il pezzo appropriato di gioielli. Lei decora la costellazione della Lira, che giace ad una distanza di 2000 anni luce dalla Terra. Età nebulosa si presume essere 5500 anni. Esso può essere visto con il binocolo. Bella luce della nebulosa è dovuto alla radiazione ultravioletta emessa da una nana bianca. Una volta era il nucleo di una stella massiccia.

Non lontano dalla nebulosa si trova globulare ammasso stellare M56. La vicinanza di loro, tuttavia, ha affermato: M56 rimosso dalla Terra a 32.900 anni luce. Nelle foto sembra che la palla, sigillato al centro, dove il numero di stelle per unità di superficie è piuttosto elevata. Qui trovano posto circa 12 stelle variabili. Un ammasso globulare è difficile da osservare con attrezzature amatoriali, perché si perde nello sfondo della Via Lattea.

Lira – una costellazione di piccole, ma comunque interessante. Il suo "territorio" posto i rappresentanti di tanti oggetti tra coloro che studiano l'astronomia. Stelle e costellazioni circostanti Lear, possono sembrare più imponente e degno di attenzione. D'altra parte, solo il brillante Vega sarebbe sufficiente a "Eclipse" tutti loro. Soprattutto se si pensa che le grandezze di queste stelle potrebbero essere basate su prove di alfa Lyrae. Questo disegno celeste, così – un'illustrazione grafica detti "è piccolo e rimosso." Tuttavia, lo stesso si può dire per il suo prototipo leggendaria, la lira di Orfeo.