343 Shares 5894 views

L'analisi "Non sparare i cigni bianchi" di Boris Vasilyev

Boris Vasiliev è diventato portavoce della morale ortodossa nella letteratura sovietica. Ha espresso la sua posizione non dichiarativamente, ma come i santi padri hanno fatto nelle sue parabole. Esempi di atteggiamento non stilistico alla vita degli eroi di questo scrittore russo non stanno edificando la moralizzazione – anche i personaggi positivi non sono in alcun modo ideali. Ma portano in sé un modo di vivere giusto. Questo porta all'analisi più semplice. "Non sparare ai cigni bianchi" – una delle opere che illustrano l'idea ortodossa nel lavoro di Vasiliev.


Circa l'autore

Lo scrittore della terra russa è nato a Smolensk, nel 1924. I suoi genitori erano nobili, suo padre era un ufficiale che serviva a Tsarskoy, e poi all'esercito rosso. Quando la guerra cominciò, Boris Vasiliev si offrì volontariamente per la parte anteriore, servito nel battaglione di combattimento, poi nelle truppe di atterraggio. Dopo una scossa, ha studiato all'accademia militare, ha testato nuovi esempi di veicoli corazzati. Nel 1954 si rese conto che la sua vocazione era la letteratura, ritirata dall'esercito e cominciò a scrivere, in un primo momento solo script. La performance "Officer" – la prima prova della penna – era troppo audace per il suo tempo e fu proibito. Tuttavia, le maniere non erano più crudeli quanto il recente: il soldato dell'autore-front-line ha avuto la possibilità. Dopo i lungometraggi "Next Flight" e "Long Day" c'è stata una pausa lunga quasi dieci anni e poi l'immagine "Officers" ha conquistato i cuori del pubblico. Amatemi oggi.

Il tempo del tempo creativo prolungato è stato duro, lo scrittore ha lavorato a tempo parziale quanto era possibile (scenari di KVN, newsreels, ecc.), Ma non si è mai scherzato e è stato fedele ai suoi principi di vita. Le pagine più colpite della sua prosa militare erano il gioco "A Dawns Here Are Quiet …". La vita pacifica è dedicata alla storia "Non sparare cigni bianchi". L'analisi del lavoro parla di una sola linea ideologica che trafigge tutta la creatività di questo notevole autore.

Il protagonista

Egor Polushkin è romantico per natura. Nella campagna, con la sua vita pratica, questa proprietà di carattere luminoso non è apprezzata. Sembra che Vasiliev ("Non sparare cigni bianchi") ha scritto la contraddizione dell'utilitarismo e del desiderio irrazionale della bellezza. Tuttavia un'analisi più dettagliata suggerisce un obiettivo artistico più profondo dell'autore. Egor non è solo romantico – si oppone all'acquisizione. Egli è abhorred da guadagni a qualsiasi costo, e questo si manifesta in tutte le sue azioni. Tale, forse, spesso è considerato stupido, ma in realtà questa persona non può fare il lavoro senza investire tutta la sua anima. L'analisi della storia "Non sparare cigni bianchi" indica direttamente che siamo una persona di talento diversa dagli altri nel suo desiderio di creatività. La priorità dell'espressione di sé prima del profitto per Yegor è piuttosto naturale, perché sembra una persona "non di questo mondo". Per tutto ciò che intraprende, tutto si cerca di essere fatto a suo modo, in modo non convenzionale e meraviglioso. Invece di numeri approvati sulle barche – piccoli animali e fiori. Ora ogni barca può essere distinta, ma il capo non piace questo modo di marcare e tutte le foto sono ordinate per dipingere. Egor è chiamato "Bedlonets", ha davvero abbastanza problemi.

Famiglia di Yegor

La moglie di Polushkina è chiamata insolitamente – Haritina (è stata chiamata da quel nome al battesimo). Tutto non sarebbe niente, se non fosse necessario utilizzare la forma abbreviata nella comunicazione quotidiana. I vicini cattivi lo chiamano Harey, e sua sorella preferisce usare la sua "Tina" pseudo frontiere. È una buona donna, ma lei non capisce il marito e ne osa anche parteciparvi. Tuttavia, in seguito capisce con quale persona vive la porta accanto.

Sorella, Marytz, è stato l'iniziatore della mossa della famiglia Polushkin al villaggio, dove suo marito ha ricevuto un posto di foreste invidiabile. Fedor Ipatovich Burianov è una persona importante, la distribuzione del legname dipende da lui e non dimentica i suoi interessi. L'immagine della conoscenza è stata dedotta in persona da Boris Vasiliev ("Non sparare cigni bianchi"). L'analisi della sua personalità porta a una conclusione deprimente che non conosce una nozione di coscienza. Egli sfrutta senza cautela il cognato: costruisce una casa forte, dopo aver ricevuto una capanna al suo posto. La foresta è stata rubata da un "grande capo".

figli

A Polushkin cresce il figlio di Kolya, a cui si adatta la definizione di "occhi puliti". Il ragazzo sembra suo padre, ma raniem, ha un forte senso di empatia. Il ragazzo mostra inclinazioni creative: scrive poesie, che il padre usa per agitazione discreta per un atteggiamento attento alla natura. L'antipodo completo per lui è "erede" di Voryoka Burianov, che non soffre mai di empatia, cercando di strappare i suoi benefici e spesso piange dalle sue repressioni, reali e immaginarie. L'analisi del romanzo "Non sparare cigni bianchi", dal punto di vista della continuità delle generazioni, è inequivocabile, "conflitto di padri e figli" non è previsto. Tuttavia, sorge in Kolka e Egor, ma a causa del fatto che il protagonista una volta bevve il viso e si comporta indebitamente. Il figlio è così onesto che non ha paura di esprimere le proprie opinioni sulla situazione, per cui la prende per il collo. Vovka non è ovviamente capace di un tale atto. Egli è molto intraprendente e anche – non senza successo – cercando di scambiare un cucciolo, che stava per affogare.

Colleghi e superiori

Polushkin è circondato da persone di sconosciuti, che non lo capiscono e sono insignificanti – l'idea è indotta dalla più semplice analisi. "Non sparare ai cigni bianchi" – una storia sulla lotta di astuzia con la saggezza, il denaro con la disinteressata, la praticità noiosa con il desiderio di bellezza. Oltre al citato rogue Burianov, nella storia sono presenti Filia e Skorok – "amici" – shabashniki, bevono con il protagonista, ma sono ugualmente vigorosi contro di lui quando Yegor, guidato dalla compassione, impedisce le condizioni predatori esposte all'insegnante rurale per la riparazione dei suoi poveri casa. Sazanov, che è stato il capo della stazione di barca, si riferisce a Polushkin tolleratamente, ma in una certa misura, fino a quando non attraversa i confini formati nella sua mente da "fatica vitale". In altre parole, è una persona stretta.

conflitto

Senza conflitti non c'è trama e, ovviamente, è sorto, rimane solo per condurre l'analisi. "Non sparare ai cigni bianchi", questo è il titolo della storia, e non per uno sguardo rosso sono bellissimi uccelli bianchi menzionati in esso. Sono diventati un simbolo della bontà ingannata che il personaggio principale ha voluto portare alle persone. Per restituire il Lago dei Cigni ai suoi bellissimi abitanti, acquista uccelli. I suoi avversari, nemmeno i nemici, non presentano la migliore domanda per loro, tranne che come un gastronomico. Soffocano i pesci, uccidono i cigni e non si fermano prima di eliminare un tale insignificante, a loro parere, ostacoli, come "un po '" Polushkin. Questa psicologia "bulldozer" trova espressione nel conflitto precedente che è scoppiata a causa dell'antisca bruciata, durante la quale Yegor si comporta indegno.

sperare

Ci sono due personaggi più importanti, che B. Vasiliev ("Non sparare cigni bianchi") ha portato alla sua storia. L'analisi delle immagini di Yuri Petrovich Chuvalov e dell'insegnante rurale Nona Yuryevna parla dell'alta decenza di entrambi gli eroi. Ognuno di loro è sinceramente impegnato nella propria attività, si incontrano e si stabilisce una relazione seria tra di loro. Si sviluppano senza problemi, ma alla fine tutto finisce con successo. È caratteristica che sia Yuri che Nonna hanno un'amicizia con Egor. Serve come pietra di prova, anche se il ragazzo stesso non è incline al confronto, ma, al contrario, mostra un'umiltà veramente cristiana nella sua opposizione al male. Le immagini di due giovani che vivono in armonia con le proprie anime e il mondo circostante creano un contesto gioioso, senza il quale il finale del lavoro sarebbe troppo pessimista.

finale

Yegor agiva nuovamente irrazionalmente, entrando nel conflitto e andò da solo contro i criminali ubriachi e crudeli (non era in grado di analisi situazionale). "Non sparare cigni bianchi" – il titolo-chiamata, con cui l'autore affronta tutte le persone, avvertendole contro la crudeltà. Per il suo amore per il bello, il personaggio principale pagato con la sua vita. Prima della sua morte, in un letto d'ospedale, perdona Fedor Ipatovich, assurdamente gli venne a "mettere in piedi" con una bottiglia di cognac costoso francese. Non ha dato la sua sincerità all'investigatore dei suoi assassini. La venezia non è nella natura di Polushkin. Indicativo è l'immagine di Fili, che cammina verso la sua tomba e si prende cura di lei.

Sarà il lago nuovamente Swan? Il figlio di Kolk rimase a terra, amando tutto ciò che vive e bello. Lui è tutta una speranza.