537 Shares 9861 views

Charlotte Ginsburg – "Nato da una stella"

Gloria e riconoscimento universale sono arrivati in questa attrice francese-inglese in età precoce. Sì, non potrebbe essere altrimenti: Charlotte Ginzburg è figlia di genitori di talento, e questo non è il caso quando la natura riposa sui suoi figli. Già in giovane età, ha iniziato a mostrare abilità vocali e di agire per "grande arte", che ha sviluppato da canto a canto e da film a film. Attualmente lavora con successo con registi eminenti, e la star del cinema Charlotte Ginzburg diventa spesso oggetto di discussioni per la stampa, che copre il tema del cinema mondiale.


Qual era il suo cammino verso il successo?

Fatti della biografia

Charlotte Ginzburg è natale della capitale britannica, è nata il 21 luglio 1971. Suo padre – il famoso poeta, attore, compositore Serge Ginsburg era un'icona di stile e un idolo degli anni '70 del secolo scorso. Tuttavia, la madre della futura star – Jane Birkin era un'attrice e cantante popolari. Il romanzo dei genitori di Charlotte Ginzburg è durato molti anni e per i rappresentanti del beau monde aristocratico le notizie sulla disintegrazione della famiglia sono diventate un vero shock. Questo è accaduto nel 1980.

Da una giovane età, Charlotte Ginzburg ha mostrato un interesse per la creatività. Il suo padrino – Yul Brynner l'ha insegnata a suonare il pianoforte. E 'stata anche fortemente influenzata dalle belle arti: c'era un periodo in cui la ragazza voleva diventare artista professionista. Ebbene, e, naturalmente, vivere accanto a suo padre, la giovane signora non poteva fare a meno di infettarsi con "l'amore per la musica". Anche quando era adolescente, Serge Gisburg ha registrato con lei il colpo sensazionale "Lemon Incest", che è stato poi percepito dagli altri come ode all'amore di Humbert – uno dei personaggi di "Lolita". Nel 1984, il famoso padre dedicò a sua figlia un intero album di canzoni chiamato Charlotte for Ever.

Va notato che nei giovani anni la "star futura" del cinema non considerava l'aspetto ideale. Charlotte Ginzburg, la cui foto sembrava non successo a se stessa, ha ereditato un lungo naso dal padre e dalla madre, un corpo sinuoso. Ecco perché raramente ha dato interviste a "squali della penna", che ha cercato in ogni modo di scoprire da lei i dettagli dei rapporti personali tra Serge e Jane.

I primi passi del cinema

All'età di tredici anni, Charlotte Gensburg ha debuttato nel cinema, giocando uno dei ruoli del film "Parole e Musica".

Il suo partner sul set era lei stessa Catherine Deneuve. L'aspetto specifico ei talenti del talento della giovane donna potrebbero essere stati inosservati a Hollywood, ma nel "Vecchio Mondo" i direttori hanno visto la facoltà di agire. Già nel 1986, lei e suo padre furono invitati al film Charlotte Forever, dove dovevano giocare: un genitore e una figlia. Nello stesso anno, Charlotte Ginzburg, la cui filmografia è aumentata di anno in anno, ha recitato in un altro film – "L'Effrontée". Per la filigrana di questo film drammatico, la giovane attrice ha ricevuto un prestigioso premio "Cesar" e ha ricevuto il titolo di un'attrice promettente.

L'esperienza viene con l'età

Nel 1989, Charlotte Gensburg diventa nuovamente candidato al premio "Cesar", ma con un altro film "The Little Thief".

Allora non sono venuti meno opere fenomenali nelle immagini: "Grazie, la vita", "Tutti in vista", "E la luce splende nell'oscurità".

Gloria del mondo

Riconoscimento universale è arrivato all'attrice dopo il 1992 ha giocato brillantemente l'immagine di Julie nel film "Cement Garden" di Andrew Birkin. Dopo di che, Charlotte Ginzburg, la cui foto nei primi anni '90 spesso cominciava a lampeggiare nella stampa, "si bagna nei raggi di gloria" – il suo nome è conosciuto in tutto il mondo.

Nel 1996, il famoso regista Franco Zeffirelli invita l'attrice al ruolo principale nel film "Jane Eyre". Un anno dopo, Charlotte Ginzburg, la cui filmografia include più di quaranta opere nei film, è nuovamente nominata per il Premio César. Questa volta la giuria presenta il film "Amore, ecc".

Il film "Lips", interpretato da Charlotte è stato invitato nel 1999, porta nuovamente successo: ora ha nelle sue mani il premio "Cesar" per il miglior gioco come attrice. Poi ha seguito il lavoro nel film "Infringer", ma non è stata premiata con prestigiosi eventi nel settore del cinema.

Nel 2001, Ginzburg ha partecipato al film "Mia moglie è un'attrice", diretta dal suo futuro marito – Ivan Attal.

Nel 2003, Charlotte ha recitato nel film del regista messicano Alejandro Gonzalez Inyarritu – "21 grammi", dove si è trasformata in fenomenale nella moglie di Sean Pena. Successivamente, il direttore ha detto che ha approvato l'attrice per il ruolo in molti modi perché è un ammiratore di lunga data del lavoro di suo padre.

Comunque, ma per la sua lunga carriera, la "star del cinema" è riuscita a dimostrare che i film e Charlotte Ginsburg sono due cose inseparabili. Oggi è ancora richiesta nella sua professione. Tra i suoi recenti ruoli di lavoro nei film: "Samba", "Tre Cuori", "Capisci, se puoi".

musica

L'attrice Charlotte Ginzburg ha mostrato il suo talento unico non solo sul set, ma anche nella musica.

Nel 2006, completa il lavoro sul suo album "5:55", i testi che sono stati scritti da Neil Hanson e Jarvis Cocker. Due anni dopo, un'alleanza creativa con il musicista Beck Hansen "versato" nel nuovo album "IRM".

Vita personale

Fin dagli anni '90, l'attrice vive con un famoso regista Ivan Attal. Charlotte ha tre figli: Ben, Alice e Jo. Attualmente vive con i suoi familiari nella capitale francese.

La stella del film ammette di avere molti complessi fin dalla sua infanzia: sembrava che i dati esterni abbiano lasciato molto a desiderare, e la voce non è stata creata per la performance vocale. Nelle trasmissioni televisive, spesso si preoccupava, non sapendo cosa dire al pubblico. Tuttavia, è riuscita a superare i suoi complessi e dimostrare di essere filigrana nel cinema e di talento nella musica.