118 Shares 2720 views

Cinghia del trasportatore – condizioni stressate prima dell'operazione

Una caratteristica delle cinghie trasportatori è che fin dall'inizio della nascita i loro elementi sono in uno stato stressato prima di essere messi in funzione.


La fonte dello stato stressato degli elementi del nastro trasportatore è operazione tecnologica nella produzione di nastri.

Quando si monta il nucleo, la tensione dei tappetini di tessuto è diversa e più il loro numero, maggiore è la differenza nella tensione delle guarnizioni. Durante la prova per la rottura, si verifica prima la distruzione di più guarnizioni "infilate", e poi il resto.

Allo stesso tempo, il nastro trasportatore perde il suo margine di sicurezza.

La rottura non simultanea delle guarnizioni porta ad una riduzione della forza complessiva delle cinghie, mentre la non simultaneità aumenta ancora di più in funzione, riducendo in ultima analisi il margine di forza delle cinghie.

Pertanto, non è consigliabile installare nastri multistrato "troppo" su nastri trasportatori responsabili, è più razionale scegliere nastri di una più piccola striscia con tessuti di carcassa più robusti.

Quando la striscia (strato) viene applicata al tessuto della carcassa dei pezzi lavorati e non lavorati (lastre di calandra grezzo) delle piastre e dei lati durante la fabbricazione delle cinghie, esistono anche (e soprattutto rimangono) sollecitazioni negli elementi a nastro.

Nella fase finale – vulcanizzazione, queste sollecitazioni sono parzialmente ridotte e parzialmente "fisse", soprattutto quando si disegnano e si premono pezzi in stampa.

La presenza di sollecitazioni residue può essere facilmente determinata visivamente. Così, ad esempio, se si asciuga il campione del pannello di lavoro "particolarmente spessa" dal telaio e si applica nuovamente al sito di ritaglio, è possibile vedere il suo accorciamento notevole (cioè, prima che il distacco la copertura sia nello stato "allungato").

Il bordo in gomma, tagliato fuori dal nucleo, acquisisce una mezzaluna pronunciata, indicando la presenza di sollecitazioni residue.

Questo fenomeno dovrebbe essere preso in considerazione durante la riparazione e l'utilizzo di nastri.

Così, ad esempio, quando si riparano le "bolle" della fodera di lavoro dopo la vulcanizzazione, è necessario scollegarlo con un'area molto più grande della "bolla" stessa e quindi imporre una patch. Altrimenti, in esercizio, "sbucciando" i luoghi di riparazione della fabbrica di "bolle" e la distruzione graduale di questa zona.

Quando l'abrasione di una parte dei lati delle cinghie in esercizio e l'impossibilità di una rapida riparazione, è consigliabile tagliare delicatamente il lato opposto del tallone per escludere l'aspetto di nastri a falce e de-centrato.

In pratica, spesso è necessario sostituire in modo urgente una sezione distrutta di cinture. Allo stesso tempo, a causa della mancanza di scorte sufficienti, a volte devono tagliare i loro nastri più ampi in billette più strette. In questi casi, si consiglia di eseguire la potatura da entrambi i lati (lungo la larghezza) dei lati delle cinghie per escludere l'eventuale malattia del pezzo risultante.

In funzione, i tagli taglienti longitudinali e trasversali delle cinghie si verificano spesso quando oggetti stranieri entrano nel flusso di carico e si bloccano nel dispositivo di carico. Se la posizione di taglio non viene rapidamente riparata, si "provo" a ricurvarsi nel tubo a causa della presenza di sollecitazioni residue. La riparazione di tali danni è complicata, e talvolta inefficace.

Quindi, i fenomeni di sollecitazioni residui devono essere presi in considerazione durante la riparazione e l'utilizzo di nastri. Il nastro trasportatore è l'elemento principale del trasportatore, quindi la sua durata determina l'affidabilità del trasportatore.