260 Shares 6594 views

Idiom dei miti della Grecia antica: storia e modernità

Mito – una narrazione che è emersa nelle primissime fasi della storia. E le sue immagini fantastiche (eroi leggendari, dei) è una sorta di tentativo di spiegare e riassumere i molti fenomeni naturali, gli eventi che si svolgono nella società. Nella mitologia rifletteva l'atteggiamento estetico dell'individuo con la realtà, e vista morale. Il più famoso e popolare oggi sono i miti della Grecia antica. Molti di essi sono utilizzati nella letteratura e nei riti. Un idiomi della mitologia greca – è un'espressione che può essere ascoltato in tutto il mondo. Tuttavia, non tutti sanno dove nasce uno o un altro slogan. Quindi, diamo un'occhiata ad alcuni dei modi di dire miti che usiamo e perché.


stalle di Augia

Questa frase si usa quando si parla di aree troppo sporco, in cui v'è un disastro completo. O noi chiamiamo come organizzazione aziendale, dove tutte le cose sono in esecuzione. Perché diciamo così? Il fatto è che in greco dati stalle Mitologia – è enorme possedimenti del re di Elis – Augia che non mettere le cose in ordine per molti anni. E io purificato loro un giorno di Ercole, dando il fiume Alfeo attraverso le stalle. L'acqua e portato con sé lo sporco. Questo linguaggio dei miti della Grecia antica è diventato famoso grazie allo storico Diodoro Siculo. E 'stato lui che per primo ha parlato di questo mito.

filo di Arianna

Questo è un altro linguaggio dei miti della Grecia antica, il che significa che in senso figurato la possibilità, indizio, un modo per aiutare a trovare una via d'uscita da una situazione difficile. Arianna nella mitologia – è la figlia di Pasifae e il re di Creta Minosse nome. Quando il principe arrivò a Creta, Teseo, condannato insieme agli altri ragazzi per essere divorati dal Minotauro, l'amava. Un Minotauro vissuto nel labirinto, dove c'era un enorme numero di transizioni. Andare lì un giorno, la gente non avrebbe mai tornare indietro. Arianna ha dato Teseo una grossa palla di filato che tipo di svolgimento, di arrivare al mostro. Dopo aver ucciso il Minotauro, Teseo facilmente uscì dalla stanza attraverso la pelle.

Cadere nell'oblio

Nella mitologia greca, era il fiume dell'oblio – Estate, che è stato speso nel mondo sotterraneo. Quando l'anima di una persona deceduta ha provato l'acqua da questa fonte, si dimenticò di tutta la vita sulla terra. Questo linguaggio dei miti della Grecia antica è – scompaiono senza lasciare traccia, non si sa dove l'abisso, etc.

ruota della fortuna

Nella mitologia, Fortuna – la dea della felicità e infelicità, del cieco caso. E 'sempre raffigurato in piedi sulla ruota o la palla, con gli occhi bendati. In una mano ha il volante, che dice che il destino decide il destino dell'uomo, e l'altro – una cornucopia, che indica il benessere, che può dare la dea. Ruota o palla mostra la variabilità costante. L'utilizzo di questo linguaggio dei miti della Grecia antica, ci riferiamo al cieco caso, la fortuna.

panico

Questo è un altro linguaggio che usiamo quasi ogni giorno. Ban nella mitologia – il dio delle greggi e dei pastori. Vietare la persona è in grado di infondere tale timore che correrà a capofitto senza meta, senza nemmeno pensare al fatto che la strada porterà alla morte certa. Da qui l'espressione, che significa un improvviso, paura irrazionale, che copre umano.