303 Shares 3515 views

La Russia sta sviluppando porti e paesi vicini frustranti

Ogni grande città ha un porto di mare. Da questo punto wanderings soffiaggio romanzesco qui mescolati odori grande solyarovoe salata bruciando olio combustibile e aria sono state lette scricchiolii sartiame clang metallo e fischi navi. divertimento Faro ammiccando l'occhio rosso, riferendosi alla possibilità di vedere nuovi ed esotici dato prospettive. Ma tutto questo romanticismo e nelle realtà economiche di ogni porta – un luogo dove un sacco di soldi guadagnati.


Come funziona il porto commerciale di mare

In questa vita, è necessario pagare per tutto, anche per il trasbordo. Fino a poco tempo, le controparti russe hanno speso un sacco di soldi per garantire che essi ricevono la merce a loro disposizione attraverso porti stranieri. Ci viene scaricato dalle stive, quindi il carico di altri mezzi di trasporto, auto cioè ferroviari, camion e navi portacontainer e le navi, e talvolta il fiume o il mare, anche, ma i posti costieri. Tutte queste operazioni, ci sono prezzi e tariffe, che sono incluse nel risultato secondo gli standard approvati. Con questi importi sono tasse pagate e le tasse che rientrano nel bilancio del paese in cui il porto appartiene. Motivi per carichi russi vanno a esportare e merci di importazione passati attraverso il porto di paesi limitrofi sono diversi. A volte svolto il ruolo del fattore storico, a volte era ancora più conveniente, ci sono stati problemi politici, come il supporto dei paesi amici, ma chissà cos'altro. Ma la ragione più importante nella maggior parte dei casi era ancora insufficiente livello di sviluppo dei propri porti e la loro relativamente bassa larghezza di banda.

la direzione degli investimenti

Venticinque anni, il governo russo ha speso per lo sviluppo dei porti nazionali enormi quantità di denaro. Questi soldi spesi ragionevolmente essere attribuito all'investimento legittimo e altamente redditizio, utile sul capitale che avrà un impatto positivo sulla situazione economica nel breve periodo. La nuova infrastruttura di trasporto di acqua è costata 28 miliardi di rubli solo lo scorso anno. Il risultato di questi investimenti è stato quello di aumentare la capacità a 20 milioni. Tonnellate / anno, e quest'anno si prevede di crescere ancora più impressionante la 32 mln. Tonnellate. Nel decennio ed un fatturato porte e mezzo di carico è aumentato del 170%, che è impressionante, soprattutto nel contesto della crisi globale. Le aree più promettenti del acciaio Baltico (costruiti diversi nuovi terminali), così come l'Artico e l'Estremo Oriente, ma nel Mar Nero, troppo, devono raggiungere.

vasi comunicanti

L'importanza dello sviluppo delle infrastrutture portuali è evidente non solo per lo Stato, ma anche per gli imprenditori privati. Dei 28 miliardi di rubli investiti solo un terzo del budget, e il resto disposti rappresentanti delle imprese. Questo è comprensibile, questi costi forniscono un possesso a lungo termine di un settore molto importante dell'economia, e il suo vero e proprio settore. La ridistribuzione del carico fluisce verso i porti russi regolarmente, questo processo era inevitabile, anche se alcuni fattori esteri accelerarlo. Così, purtroppo, la crescita delle vendite attraverso il porto, allo stesso tempo non può crescere, ma, al contrario, il suo volume totale è diminuita durante la crisi. La conclusione potrebbe fare uno: se da qualche parte si presenta in altri luoghi diminuisce.

esperienza ucraina

Ora la maggior parte parlare di ciò che i danni sono le porte dei paesi baltici, Estonia, Lituania e Lettonia, in particolare, Klaipeda, Tallinn e Riga, ma in realtà, questo processo è iniziato con l'Ucraina, che è stato a lungo. E non è nel "vettore europeo", sanzioni e il ritiro di Crimea alla Russia. Anche nei tempi di Kuchma (e ha iniziato anche quando Kravchuk) sono state sollevate tariffe per il transito di merci. Poi la leadership sembrava essere che più pagherà gli imprenditori, per lo più russi, le casse piene più veloce. Anche in tempi di Eltsin amato conto in denaro, e la reazione non si è fatta attendere. Dopo l'ampliamento del porto di Novorossiysk, che si tiene nelle sue acque le operazioni di dragaggio e di aumentare il valore dei moli a Odessa, Nikolaev, Kherson e altre importanti infrastrutture di trasporto su scala nazionale in Ucraina è notevolmente sbiadito. Qualcosa, ovviamente, rimangono, come il Sud, senza la quale non si può fare, qui Portside Plant, ma la solita sfilza di navi in ormeggio da qualche parte passati.

porto di Riga

Nel corso del primo trimestre fatturato Freeport intuì diminuzione rispetto all'indice analogo di 4,7 milioni di tonnellate. Questo dato di per sé non significa nulla se non si tiene conto che solo 9,1 milioni ci sono. T, allora tutto è chiaro, un calo di oltre un terzo. Solo sulla cessazione del trasbordo delle perdite carbone russo sono stimati a circa 140 milioni di euro all'anno, ma questo non è l'articolo più importante. La quantità totale di benefici mancati già misurato in miliardi di dollari di numeri. Secondo il presidente del porto Consiglio Andris Ameriksa, questo declino si spiega con la ridistribuzione del traffico merci e beneficio i terminali russi in rapido sviluppo. Tuttavia, non è solo in questo, naturalmente, ma anche in un generale declino nelle attività di business. porti russi sul Mar Baltico hanno preso più di cinquecento mila tonnellate di merci, e la riduzione ha raggiunto 1,4 mln. di tonnellate, che è ancora 900 mila. T semplicemente non sarebbe stato inviato in ogni caso.

Tallinn, Klaipeda, Ventspils

La situazione è simile in altri porti dei paesi baltici. Se prendiamo l'esempio del porto lettone di Ventspils, che prima l'imposizione di sanzioni internazionali fatturato cargo è sceso (26m. Tonnellate) del 9% nel 2014, e nel gennaio-febbraio 2015 di un ulteriore 18% rispetto al 2013. (Per soli 4,8 Mill. M). A Tallinn riduzione del volume di transito è stata del 21% (22,4 milioni. M lo scorso anno). Nell'autunno del Klaipeda non è così massiccia, 5,6%, anche se non è molto piccolo (38,4 milioni di euro. Tonnellate a partire dal 2015). La porta principale su cui si è verificato l'ridistribuzione del traffico merci è stato di Primorsk e Ust-Luga, l'ammodernamento e l'ampliamento del passato. Necessità nel terminal petrolifero Ventspils praticamente scomparso, e ora ci sono potenza russa.

Infine, la crisi!

Il fatturato totale di porti russi nel periodo 2014-2015 è cresciuto a 676 mln. Di tonnellate (5,7%), e solo per il primo trimestre di quest'anno già del 4,6%. In termini reali, ciò significa che l'aumento è stato pari a 90 mln. Tonnellate.

In una tale situazione, è facile notare che al momento attuale infrastruttura di porto russo rende anche più di prima della crisi, e questo fatto sembra essere molto interessante. Si scopre che, se non una crisi e di sanzioni che hanno reso possibile per mobilitare le risorse, lo spedizioniere e del destinatario russo avrebbero continuato a sponsorizzare le infrastrutture di trasporto estero così come proprietà nel paese ancora non ha abbastanza soldi per. Ora le porte su tutti i mari stanno sviluppando attivamente da Nakhodka a Novorossiysk aumentando la capacità e la velocità. Qui, veramente, non ci sarebbe felicità …

L'aspetto politico

E 'possibile che lungo la marcatura di infrastrutture portuali nel selvaggio aveva lo stesso significato come l'acquisto di mele polacche, che, a differenza dei ananas possono essere coltivate facilmente a Saratov, Voronezh, e chissà che altro nelle aree comuni. Basta essere presi in considerazione in tutti i paesi che la Russia dà i soldi, mentre la politica estera dello Stato ha un amichevole, ma se non altro, e si può fare. L'esperienza ha dimostrato che i canali tali effetti non sono molto efficaci, almeno non ancora. Ma questa è anche una lezione per il futuro, conta difficile la prudenza di qualcuno. sviluppo proprio è più importante e più affidabile.