353 Shares 1054 views

"Il padrone di Igor's Host": analisi. "Il padrone di Igor's Host": una sintesi

"La campagna di Igor's Lay" è un monumento eccezionale dell'antica letteratura russa, scritta nel XII secolo. Leggere questo lavoro influisce ancora positivamente sulle persone, apre nuovi orizzonti per loro.


«Una parola sullo scaffale di Igor». Storia del lavoro

"Il padrone di Igor's Host" è un capolavoro letterario, opera creata in antico russo. Questo lavoro è stato scritto più vicino all'inizio del XII secolo, e nel 1795 è stato trovato dal conte Alexei Ivanovich Musin-Pushkin. Nel 1800 è stato stampato. Le originali "parole" sono scomparse nel fuoco nel 1812, durante la Grande Guerra Patriottica del popolo russo con i francesi.

La sintesi del lavoro

L'analisi "La campagna di Igor" mostra che questo lavoro ha una composizione, che è abbastanza tipica per le creazioni dell'antica letteratura russa. Nella sua composizione, c'è l'inizio e la parte principale, così come il pane tostato.

L'inizio è il saluto dell'autore ai lettori, e rivela anche l'opinione dell'autore su quegli eventi che descriverà. L'autore vuole raccontare tutto sulla campagna del principe Igor onestamente, senza occultamento, senza speculazioni superflue. Un esempio per lui è il famoso artista Boyan, che non solo ha seguito l'antico byliny, ma ha anche cantato poeticamente lodi ai principi del suo tempo.

L'analisi di "La campagna di Igor's" mostra brevemente che l'autore descrisse in questo modo i confini cronologici della narrazione: parla della vita di Vladimir Svyatoslavich di Kiev e poi procede senza intoppi a descrivere la vita del principe Igor Svyatoslavich.

La trama del lavoro

L'esercito russo viene mandato a combattere con il formidabile nemico – i polovici. Prima dell'inizio della campagna il sole copre il cielo, inizia un'eclissi solare. Tutti gli altri abitanti della Russia Antica sarebbero orrendi e avrebbero rifiutato i suoi piani, ma il principe Igor non è così. Lui e il suo esercito continuano ancora. Questo è accaduto il 1 ° maggio 1185. Le intenzioni di Igor sono supportate dal fratello Bui Tour Vsevolod.

Dopo un certo periodo di tempo, Igor incontra Polovtsy. Il loro numero supera di gran lunga il numero di persone russe. Ma i russi stanno ancora cominciando la lotta.

Il giro di Igor e Bui Vsevolod trionfa nella prima battaglia sulla Polovtsy. Soddisfatti, si permettono di rilassarsi. Ma non vedono e non sanno che le loro forze sono esaurite, e il numero di truppe polovtiane ancora supera il numero dei russi molte volte. Il giorno dopo le truppe polovtiane hanno attaccato l'esercito russo e lo hanno sopraffatto. Molti soldati russi sono uccisi, il principe Igor viene preso prigioniero.

In tutta la terra russa c'è un lamento per i morti, ei Cumani, che hanno vinto la battaglia, trionfano. La vittoria dei polovici sull'esercito di Igor ha causato molte disgrazie alla terra russa. Molti soldati sono stati uccisi, ei Polovtsi hanno continuato a saccheggiare la terra russa.

Svyatoslav di Kiev

L'analisi di "La campagna di Igor's Lay", il cui lavoro è attribuito ad un autore sconosciuto, racconta di uno strano sogno di Svyatoslav di Kiev, in cui si è visto in un tesoro funebre. E il suo sogno è avvenuto.

Quando Svyatoslav apprese della sconfitta delle truppe russe, cadde nel dolore. Il principe Igor è stato preso prigioniero. Viveva sotto la supervisione dei Polovsiani, ma un giorno, uno di loro, Laurus, suggerì di nascondere. Ciò è dovuto al fatto che i Polovci hanno deciso di uccidere tutti i prigionieri russi. Igor accettò di fuggire. Sotto la copertina di notte, egli sospese il suo cavallo e guidò segretamente attraverso il campo polovtese.

È passato per il fiume Donets per undici giorni, ei Polovci lo perseguitano. Di conseguenza, Igor è riuscito a raggiungere la terra russa. A Kiev e Chernigov è stato accolto con gioia. La "Parola" termina con una bella parafrasi poetica indirizzata al principe Igor e al suo seguito.

Personaggi del padrone di Igor's Host

Il personaggio principale della Campagna del Laico di Igor è naturalmente il principe Igor Svyatoslavich. Questo è un comandante eccezionale, per il quale la cosa principale è sconfiggere il nemico e proteggere la terra russa. Insieme al fratello e al suo esercito vittorioso, è pronto per qualsiasi cosa per la gloria della Patria.

A proposito, se cerchi l'analisi "La Parola del reggimento di Igorev", grado 9, puoi trovarla nelle biblioteche delle nostre scuole.

Igor Svyatoslavich commette un errore, a causa del quale è sparso il suo esercito, le mogli russe rimangono vedove e bambini – orfani.

Il principe di Kiev Svyatoslav è un uomo che vuole pace e tranquillità per la Russia, condanna Igor e suo fratello Vsevolod per la fretta di prendere decisioni e per il dolore che hanno portato alla terra russa. Svyatoslav promuove l'unificazione dei principi, per la loro azione congiunta contro i Polovsiani.

L'immagine di Yaroslavna nel lavoro

Yaroslavna – moglie di Igor – è il carattere femminile centrale di "The Lay of Host of Igor". Se si analizza "The Lay of Igor's Host", il pianto di Yaroslavna sarà la parte più espressiva dell'intero lavoro. Yaroslavna grida alla torre di difesa più alta di Putivl (questa città era più vicina alla steppa polovtiana). Parla agli elementi della natura. Con il potere delle sue parole, ottengono entusiasmo. Ella rimprovera il vento in quanto disperse il suo divertimento e si rivolge al Dnepr e al sole.

L'analisi di "La campagna di Igor's", una breve sintesi di cui si può leggere negli articoli dei ricercatori linguistici, dimostra che Yaroslavna ha evocato molto più interesse delle generazioni successive che il protagonista dell'opera, e il suo pianto è stato tradotto in molte lingue. L'autore del "Lay" crede che il lamento di Yaroslavna abbia avuto un impatto sulle forze naturali, e così Igor Svyatoslavich riuscì a fuggire dalla prigionia. La più celebre forma di realizzazione dell'immagine di Yaroslavna è nell'opera "principe Igor" di A. Borodin (scritta dal 1869 al 1887).

Polovtsy nel "Lay of Igor's Host"

I principali avversari del principe Igor e delle truppe russe nel lavoro sono i polovici. Questi sono gli abitanti del campo, cioè la steppa sconfinata, le pianure russe s.

Le relazioni del popolo russo con i polovici erano diverse, potevano essere amici, potevano essere in inimicizia. Nel XII secolo la loro relazione stava diventando ostile. Se si analizza il "padrone di Igor's Host", la parola d'oro di Svyatoslav avverte Igor di amicizia con i Polovsiani. Ma i suoi rapporti con i Polovti rimangono generalmente non così cattivi. Secondo la ricerca storica, Igor Svyatoslavich ha avuto buone relazioni con i khans polovtsiani Kobyak e Konchak. Suo figlio sposò anche la figlia di Konchak.

La crudeltà dei Polovsiani, che tutti i successivi storici hanno sottolineato, non era altro che le abitudini di quel tempo richiesto. Il principe Igor, che era in prigionia tra il Polovtsy, poteva confessare anche nella chiesa cristiana. Inoltre, l'interazione dei russi con i polovici ha beneficiato anche del popolo russo, che non era influenzato dalla Chiesa cattolica. Inoltre, i mercati russi sono stati venduti nei mercati polovici, ad esempio, a Trebizond ea Derbent.

Sfondo storico di The Lay of Igor's Host

L'analisi di "La parola sul reggimento di Igorev" mostra che questo lavoro è stato creato in quegli anni in cui la Russia era divisa in parti separate.

Il significato di Kiev come centro della terra russa da quel momento quasi scompare. I principi russi diventano stati separati e la segregazione delle loro terre è fissata al congresso di Lubecca nel 1097.

Il trattato concluso tra i principi del congresso è stato rotto, tutte le grandi città cominciarono ad impegnarsi per l'indipendenza. Ma pochi hanno notato che la Russia ha bisogno di protezione, che i nemici stanno già provenienti da tutti i lati. Cumani si alzarono e cominciarono a combattere con il popolo russo.

A metà dell'XI secolo, essi costituivano già un grave pericolo. "La campagna del Laico di Igor", l'analisi di cui stiamo cercando di tenere, è una storia sul tragico scontro dei russi e dei polovici.

I russi non potevano resistere efficacemente ai polovici, per la ragione che non potevano giungere ad un accordo con loro. Il costante scontro ha indebolito la potenza dello stato russo, una volta grande. Sì, in questo momento in Russia c'è stata una ripresa economica, ma è stata livellata a causa del fatto che le connessioni tra varie aziende agricole erano deboli.

A questo punto, c'è una graduale creazione di contatti tra i popoli russi. La Russia si prepara presto a unirsi in uno, ma in questo momento troppi fattori problematici.

L'autore di questo lavoro non scrive solo sulle azioni militari dei russi contro i polovici. Ammira la bellezza delle sue steppe naturali e delle foreste, la pittorescenza della sua natura nativa. Se analizzate la "campagna di Igor," la natura gioca un ruolo guida in esso. Aiuta il principe Igor a scappare dalla prigionia e tornare in Russia. Il vento, il sole e il fiume Dnieper diventano i suoi principali alleati sulla strada dalla casa del regno polovittico.

Autenticità del "Lay of Igor's Host"

Quasi subito dopo che è stato pubblicato il "Lay of Igor's Host", sono sorti dubbi circa la sua autenticità. Dal momento che il manoscritto di questo lavoro fu bruciato nel 1812, solo la prima edizione stampata e la copia manoscritta rimasero per l'analisi e lo studio.

I ricercatori hanno dubitato che il lavoro sia genuino, per vari motivi. Il fatto è che non è stato possibile scoprire l'identità dell'autore, in secondo luogo, sullo sfondo di altre opere di quell'epoca, "la Parola" era molto bella, sembrava irrealistico che nel XII secolo si potesse scrivere questo.

Nel 1963, una analoga figura storica AA Zimin ha suggerito, dopo aver analizzato la "casa del padrone di Igor", la parola d'oro di Svyatoslav in cui gli sembrava sospetto che il lavoro del XVIII secolo fu scritto da Joel Bykovsky, poi arimandrite del Monastero Spaso-Yaroslavsky.

Ma presto c'erano nuove prove dell'autenticità del "Lay of Igor's Host". Una prova incontrovertibile di questo era il Codex Cumanicus, un dizionario della lingua polovizia, compilato alla fine del XIII secolo. Fu acquistata in qualche modo dal grande poeta italiano Francesco Petrarca. È noto che la "Parola" spesso contiene i prestiti della lingua polovizia, cioè le parole poloveziane. Le stesse parole possono essere trovate in Codex Cumanicus. È ben noto che il popolo polovtsiano in quanto tale ha cessato di esistere già nel Medioevo. Pertanto, la falsificazione in questo caso non può essere. Già nel diciottesimo secolo, nessuno in Russia discorso polovtsiano non sapeva quindi e inserire parole polovtiane nel testo del lavoro non poteva.

Analisi di "La campagna di Igor", la parola d'oro di cui un tempo l'accademico Likhachev, con l'aiuto di Codex Cumanicus, ha fatto un contributo inestimabile allo studio della letteratura russa. Forse Codex Cumanicus era anche impossibile: il fatto è che questo dizionario fu lasciato da Petrarca nel 1362 alla cattedrale di San Marco a Venezia, dove fu conservato fino al 1828. Quest'anno l'orientalista tedesco Julius Heinrich Klaproth ha trovato questo libro e pubblicato. E nella seconda metà dell'Ottocento gli orientalisti russi si avvicinarono al Codex Cumanicus.

Luogo di scrittura "The Lay of Igor's Host"

L'analisi della "La campagna di Igor" dice che questo lavoro è pieno di amore per la terra russa e la sua gente. Il luogo di scrittura di questo lavoro è, molto probabilmente, Novgorod. E lo creò Novgorod. Questo può essere giudicato dalle parole dialettali che si incontrano nella "Parola" e che sono state poi usate a Novgorod. Queste sono parole come "karna, osmomysl, haraluzhny, goreslavich".

"Il padrone di Igor's Host" – un'analisi di questo lavoro indica chiaramente che l'autore è originario di Novgorod. Cita la città di Dudutka, che era allora vicino a Novgorod. Le unità monetarie che citano l'analisi della campagna di Igor, nogata e resana, i ricercatori trovano solo in una delle più antiche cronache – a Novgorod. Non ci sono tali parole negli annali Ipatiev e Lavrentiev . Il patronimo Goreslavich e Osmomysl, menzionati nel "Lay of Igor's Host", furono trovati anche dai ricercatori dei manoscritti e della betulla di Novgorod.

L'origine nordica dell'autore della "Parola" è confermata dal fatto che la composizione menziona le luci del nord. Con il suo aiuto, Dio ha mostrato al principe Igor come tornare a casa dalla prigionia. Probabilmente l'autore di "La Parola" era dietro il Circolo Artico e vide lì le luci del nord.

Studio del "Lay of Igor's Host"

"La campagna dei laici di Igor", la cui analisi è molto interessante per tutti i lettori di questo lavoro letterario, è stata condotta dalla fine del XVIII secolo, cioè dal momento in cui il manoscritto è stato trovato dal conte Musin-Pushkin. All'inizio era difficile lavorare con la "Parola". In primo luogo, doveva essere tradotto. In secondo luogo, era necessario interpretare tutti i luoghi incomprensibili, tutte le difficili metafore. Soprattutto molti scienziati eccezionali si sono impegnati nello studio della "Parola" nell'era sovietica, tra cui l'accademico A. Likhachev e O. Tvorogov. Hanno cercato di ripristinare la versione originale della "Parola" e di dare l'interpretazione corretta.

Lo studio della "parola sulla campagna di Igor" a scuola

"La campagna dei laici di Igor" è da tempo studiata nelle scuole secondarie e nelle università. Il suo studio riguarda 7, 8, 9 classi. Per uno studio migliore del lavoro, vengono utilizzati diversi strumenti, tra cui un disco su cui è rappresentata la trama del vecchio lavoro russo. Lo studio di "Lay" si specializza in Yaroslavl Museum-Reserve, e gli studenti hanno l'opportunità di conoscere diversi materiali relativi a questo argomento.

Misteri del lavoro

Nonostante il fatto che "Il padrone di Igor's Host" sia stato studiato in modo approfondito e per lungo tempo, non tutti sono ancora comprensibili nel testo del lavoro.

L'analisi di "La campagna di Lay of Igor", la cui natura non è stata completamente spiegata fino alla fine, dimostra ancora che bisogna esplorare più. Quindi, non è chiaro se l'autore delle "Parole" abbia scritto di animali ordinari, oppure i polovici, che avevano i nomi degli antenati degli animali, erano intesi. Non è ancora chiaro perché il principe Igor ha visitato la chiesa di Pirogoshchy a Kiev. Tutti questi puzzle stanno ancora aspettando i loro ricercatori.