609 Shares 4673 views

paesi esportatori di petrolio. I maggiori esportatori di petrolio – elenco

Molti paesi produttori di petrolio potrebbero sviluppare la sua economia grazie alla realizzazione della risorsa principale. Ma i tassi di crescita dinamici non sarebbe possibile se le nazioni in via di sviluppo non sono uniti.


gruppo dei paesi produttori di petrolio

Prima di scoprire quali sono le organizzazioni che regolano la produzione di petrolio greggio e le condizioni per la sua attuazione, è necessario capire in quale stato in cui entrano. Così, i principali esportatori di petrolio sono paesi in cui viene estratto. In questo stato, che sono leader mondiali di produrre più di un miliardo di barili l'anno.

Gli esperti di tutti i paesi sono divisi in diversi gruppi:

– membri dell'OPEC;

– gli Stati Uniti e in Canada;

– i paesi del Mare del Nord;

– altri stati grandi.

leadership mondiale appartiene al primo gruppo.

La storia della OPEC

Un'organizzazione internazionale che riunisce i principali esportatori di petrolio, è spesso chiamato un cartello. E 'stato creato da diversi paesi al fine di stabilizzare i prezzi delle materie prime di base. Questa organizzazione è chiamata l'OPEC (OPEC inglese -. L'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio).

I principali paesi esportatori di petrolio, che appartenevano ai paesi in via di sviluppo uniti nel 1960. V'è stato un evento storico in occasione della conferenza settembre a Baghdad. L'iniziativa è stata sostenuta da cinque paesi: Arabia Saudita, Iraq, Iran, Kuwait e Venezuela. Questo è accaduto dopo le 7 più grandi aziende multinazionali coinvolte nella produzione di petrolio, che è anche chiamato "Sette Sorelle", ha ridotto l'acquisto unilateralmente sul prezzo del petrolio. Dopo tutto, a seconda del costo hanno dovuto pagare l'affitto per il diritto di sviluppare i depositi e le tasse.

Ma i nuovi Stati indipendenti avrebbero controllare la produzione di petrolio nel suo territorio e per monitorare lo sfruttamento delle risorse. E dato il fatto che nel 1960 tale fornitura di materie prime supera la domanda, allora uno degli obiettivi dell'OPEC è stato quello di evitare ulteriori diminuzioni dei prezzi.

Guida introduttiva

Dopo la creazione di un'organizzazione internazionale di paesi esportatori di petrolio ha cominciato a unirsi a lei. Così, nel corso del 1960 il numero di paesi inclusi nel dell'OPEC, è raddoppiata. Iscritto l'organizzazione, Indonesia, Qatar, Libia, Algeria, Emirati Arabi Uniti. Allo stesso tempo, una dichiarazione è stata adottata, che fissa il politica petrolifera. E ha detto che i paesi hanno il diritto di esercitare il controllo permanente sulle proprie risorse e garantire che essi siano utilizzati nell'interesse del loro sviluppo.

I principali esportatori di petrolio al mondo, nel 1970 ha preso il controllo completo della produzione di un liquido infiammabile. Spetta all'attività prezzo dell'OPEC è diventato dipendente, montato su risorse prime. Durante questo periodo, si unì l'organizzazione, e di altri paesi esportatori di petrolio. L'elenco è cresciuto fino a comprendere 13 membri: include anche l'Ecuador, Nigeria e Gabon.

riforme necessarie

Piuttosto complicato periodo di 1980. dell'acciaio. Dopo tutto, all'inizio del decennio, i prezzi sono aumentati senza precedenti. Ma nel 1986 erano giù, impostare il prezzo di circa 10 dollari al barile. Questo è stato un colpo significativo, ha subito tutti i paesi esportatori di petrolio. OPEC riuscito a stabilizzare il costo delle materie prime. Allo stesso tempo, il dialogo è stato stabilito con i paesi che non appartengono a questa organizzazione. E 'stato anche fissato le quote di produzione di petrolio per i membri dell'OPEC. Il cartello è stato concordato meccanismo dei prezzi.

Il significato della OPEC

Per comprendere le tendenze globali del mercato del petrolio è importante sapere come influenzare l'OPEC ha cambiato la situazione. Così, nei primi anni 1970, i paesi membri monitorati da solo il 2% della produzione nazionale di questa materia prima. Già nel 1973, lo Stato ha fatto in modo che sotto il loro controllo è stato trasferito il 20% della produzione di petrolio, e nel 1980 è stato l'anno è soggetta a più di 86% della produzione totale della risorsa. In considerazione di questo paesi esportatori di petrolio, che sono stati inclusi in OPEC, sono diventati la forza di auto-determinazione nel mercato. Le multinazionali di quel tempo avevano perso la loro forza, a causa dello stato per quanto possibile, tutte le nazionalizzato l'industria petrolifera.

tendenze generali

Ma non tutti i paesi esportatori di petrolio facevano parte delle specializzate organizzazioni internazionali. Ad esempio, nel 1990, il governo del Gabon ha deciso di ritirarsi dalla OPEC, nello stesso periodo, l'Ecuador ha temporaneamente sospeso la partecipazione negli affari dell'organizzazione (1992-2007). La Russia, che detiene una posizione di leadership in termini di produzione di questa risorsa, nel 1998 è diventato un osservatore al cartello.

Attualmente, i membri dell'OPEC in totale, portano il 40% della produzione mondiale di petrolio. In questo caso, possiedono 80% delle riserve certe di questa materia prima. L'organizzazione può modificare il livello richiesto di produzione di petrolio nei paesi partecipanti aumentando o diminuendo da soli. Allo stesso tempo, la maggior parte dei paesi impegnati nello sviluppo di giacimenti di questa risorsa, lavorando a pieno regime.

maggiori esportatori

Ora i membri dell'OPEC sono 12 paesi. Alcuni membri sono impegnati nello sviluppo della base di materie prime, lavorando in modo indipendente. Ad esempio, questi sono i più grandi esportatori di petrolio, come la Russia e gli Stati Uniti. Essi non sono coperti dalla influenza dell'OPEC, la sua organizzazione non detta le condizioni di produzione e vendita di materie prime. Ma hanno da conciliare con le tendenze globali che definiscono degli stati membri cartelli. Al momento, la Russia e gli Stati Uniti occupano una posizione leader nel mercato mondiale, insieme con l'Arabia Saudita. Secondo il livello di estrazione di liquido infiammabile in ogni stato per oltre il 10%.

Ma non è tutti i principali paesi esportatori di petrolio. Elenco dei top ten include anche la Cina, il Canada, l'Iran, l'Iraq, il Messico, il Kuwait, gli Emirati Arabi Uniti.

Ora più di 100 diversi paesi ci sono giacimenti di sviluppo del giacimento di petrolio sono condotte in loro. Ma il volume dei raccolti, naturalmente, incomparabilmente piccola rispetto a quelle detenute dai principali paesi esportatori di petrolio.

altre organizzazioni

OPEC è la più importante associazione di stati produttori di petrolio, ma non l'unico. Ad esempio, nel 1970 è stato organizzato dall'Agenzia internazionale per l'energia. La sua composizione di 26 paesi ha cominciato immediatamente. L'AIE non disciplina le attività degli esportatori e dei principali importatori di materie prime. Lo scopo di questa agenzia è quello di sviluppare meccanismi di interazione che sono necessari in situazioni di crisi. Così, si è sviluppata la sua strategia ha permesso pochi a ridurre il potere di mercato dell'OPEC. Le principali raccomandazioni della IEA ha concluso che per creare il paese riserve di petrolio, di sviluppare i migliori itinerari si muovono le materie prime in caso di embargo e svolgere altre disposizioni necessarie. Ciò ha contribuito al fatto che il mercato dettare i termini possono ora non solo i più grandi esportatori di petrolio.