865 Shares 1520 views

Wolf Erlich: biografia, foto. Wolf Erlich e Yesenin

L'inizio dell'epoca sovietica nel nostro paese è stato caratterizzato dall'emergere di molte opere di letteratura, appartenenti alla penna di autori ben noti e poco conosciuti. Uno di questi talenti è stato il poeta sovietico Wolf Ehrlich, sul cui lavoro parleremo più in dettaglio.


Per i lettori moderni questo nome è quasi sconosciuto, ma i contemporanei conoscevano i termini poetici luminosi e affascinanti di questo poeta.

Cosa si ricorda questo uomo?

Cercheremo di rispondere a questa domanda.

Infanzia e gioventù del poeta

Wolf Erlich è nato a Simbirsk nel 1902. Suo padre era un farmacista, sua madre era una casalinga. Il nome del poeta risale alla lingua ebraica e significa "uomo che teme Dio".

Il poeta futuro come discendente di una famiglia ebrea era molto difficile dimostrare il suo diritto di ricevere l'istruzione superiore. Un ragazzo dall'infanzia ha sognato una carriera e una gloria letteraria. Si diploma brillantemente dalla scuola superiore, si iscrive all'Università di Kazan, ma non ha ottenuto un diploma di questa prestigiosa istituzione: è iniziata la guerra civile che ha bruscamente cambiato la vita dei giovani provinciali.

Wolf Erlich è entrato nell'esercito Rosso, ma non ha dovuto combattere come un semplice soldato. Mostrando la sua formazione, è stato nominato alla carica di segretario del laboratorio pedagogico del dipartimento di istruzione.

Dopo la guerra, si trasferì al allora Petrogrado post-rivoluzionario, decise di continuare gli studi, entrò nel Dipartimento di Lettere e Arte dell'Università di Petrograd, ma fu espulso per un pessimo progresso.

Negli stessi anni, il giovane poeta è caduto da vicino nel cerchio degli Imagisti, cercando di stabilirsi nel campo letterario.

Successi letterari

Dal 1926 Wolf Erlich inizia a pubblicare il suo lavoro nella stampa, uno per uno rilascia raccolte di poesie. Tra di loro ci sono libri intitolati "In the Village", "Arsenal", "Wolf's Sun" e altri.

Tre anni dopo (nel 1929) pubblicò la sua poesia dedicata alla rivoluzionaria populista Sophia Perovskaya, che organizzò l'assassinio dell'imperatore Alexander. Le sue poesie sono pubblicate in riviste letterarie popolari del tempo, come "Red Night", "Star", "Contemporary Literary".

Wolf Erlich diventa membro dell'unione di scrittori appena organizzata. Già alla fine degli anni '20 egli ama le traduzioni, traduce molto dalla lingua armena.

Anni maturi

Le attività letterarie Erlich si uniscono con il duro lavoro a beneficio del Partito Bolscevico.

Così, dal 1925 ha nascosto un post che ha chiamato "Cheka". Questo era il posto di un responsabile di servizio responsabile presso il Soviet di Leningrado.

In seguito Erlich lavora come redattore di diverse riviste letterarie, lavora su sceneggiature.

La sua vita finisce tragicamente. Ciò è dovuto alla repressione che Stalin perseguiva costantemente tra i vecchi bolscevichi. Nel 1937, il poeta è stato arrestato, condannato a un famigerato articolo numero 58 per essere girato, il verdetto è stato condotto nello stesso anno.

Amore per l'Armenia

Molte poesie scritte durante la sua vita, Wolf Erlich, la sua biografia ci rivela le fonti della sua ispirazione creativa. E l'Armenia è diventata una di esse.

Ehrlich fece il suo primo viaggio in questa terra insieme a N. Tikhonov negli anni Venti. Si innamorò della bellezza di questi luoghi. Il poeta scrisse più tardi in lettere ai suoi parenti che non aveva mai visto niente di meglio.

Il poeta ha creato tutta una serie di poesie sull'Armenia, che furono poi incluse nelle sue collezioni "Storie Alagaziane", "Armenia" e altri.

Durante la sua vita successiva, il poeta si sforzò di venire in queste regioni. Qui è stato arrestato. Gli amici credevano di essere stato arrestato accidentalmente. In questo giorno è venuto a visitare una famiglia armena, la festa durava fino a tardi la sera, e di notte gli ospiti arrivarono ad arrestare i funzionari di NKVD. Insieme a tutti, Erlich è stato anche arrestato. Da molto tempo non si sapeva nulla del suo destino. Solo nel 1956, i suoi parenti hanno ricevuto una conclusione sulla sua riabilitazione postumica.

Amicizia con S. Yesenin

Wolf Erlich e Yesenin erano amici, condividevano un destino comune nelle attività dell'ordine degli Imagisti, interessi e opinioni comuni sulla letteratura. Ehrlich spesso fornì sostegno al suo amico di talento, si occupava delle edizioni di pubblicazione delle sue opere e organizza serate di poesie congiunte.

Arrivando nel dicembre 1925 a Leningrado, Esenin voleva fermarsi a Ehrlich, ma poi cambiò idea e prese una stanza in un noto hotel nel centro della città. Erlich, ha consegnato il suo poema di addio "Buongiorno, amico mio", che ha chiesto di leggere a casa.

Ehrlich ha rispettato la richiesta, ma quando ha letto la poesia in casa, ha visto che le sue linee sono state scritte in sangue. Si precipitò verso l'hotel, ma Yesenin era già morto.

Dopo aver scoperto il corpo di Sergei Esenin in hotel, Erlich ha assistito nell'organizzazione del funerale. Ha anche parlato in tribunale, dove ha parlato a sostegno della versione del suicidio, introducendo il testo dell'ultima poesia di Yesenin.

Alcuni critici letterari contemporanei valutano diversamente il ruolo di Ehrlich nel destino e nella morte di Yesenin. Alcuni lo accusano di essere un agente della GPU, quindi il suo rapporto con il grande poeta non era un'amicizia, ma una sorveglianza banale. È difficile rispondere a queste persone dopo tanti anni dalla morte di Yesenin e da Ehrlich stesso. L'unica risposta è le linee di Yesenin, in cui affronta Erlich come un amico stretto.

Il significato del percorso creativo del poeta

Molti dei suoi contemporanei ricordavano Wolf Erlich. La sua foto, fatta nel 1928, dà in lui un umile uomo che conosce il valore della sua parola.

I suoi contemporanei credevano che la tragica morte di Wolff abbia ridotto non solo la sua vita, ma anche i futuri successi letterari. Il talento di Ehrlich potrebbe ancora essere pienamente rivelato, il poeta era pieno di forza e speranza creativa, ma non riusciva a realizzarli, condividendo il destino parzialmente triste del popolo della sua generazione che passò attraverso il crogiuolo della guerra civile, pieno di fede nella possibilità di costruire una società socialista di prosperità, commettendo errori Il campo di costruzione di un nuovo stato, ma di fronte alla realtà imminente e terribile che ha portato alla loro morte.