887 Shares 3192 views

Il serbatoio Merkava è il carro di battaglia di Tsakhal

Le carriere di Israele, acquistate per l'Tsakhal (l'esercito della difesa d'Israele) all'estero, non soddisfarono pienamente le esigenze degli eserciti, il loro disegno non ha tenuto conto di molte caratteristiche specifiche del teatro mediatico di operazioni militari. Nel 1970, la leadership del paese decise di creare i propri veicoli corazzati. Per la prima volta nella storia, il capo del progetto tecnico non era un ingegnere, ma un militare, il generale Tal, un veterano di tutti i conflitti arabo-israeliani, che sapeva tutto sui problemi che i tankmen avevano sul campo di battaglia.


Fin dall'inizio, i progettisti si basavano sull'applicazione esclusivamente regionale del nuovo veicolo da combattimento. "Chariot" – così da ebraico viene tradotto il nome, che è stato dato al serbatoio israeliano "Merkava". Doveva essere utilizzato solo in Medio Oriente, per cui i requisiti per il suo possibile trasporto ferroviario o aereo potrebbero essere ignorati. Questo ha permesso di aumentare il peso del modello, che, dopo tutto, è di 65 tonnellate.

Il secondo criterio principale utilizzato dai costruttori di cisterne ebrei era la massima sicurezza dell'equipaggio. Tutto è fatto in modo che quando un veicolo di combattimento è danneggiato da armi da fuoco nemiche, è possibile ridurre la probabilità di detonazione della munizione e dell'accensione del combustibile. Per raggiungere questo obiettivo, il serbatoio di Merkava ha ricevuto un layout diverso da quello classico: la sua centrale elettrica è stata spostata dalla poppa in avanti (e il suo peso protegge i carri armati dai danni frontali da conchiglie di corazza). Tutto ha il suo prezzo! Pertanto la visibilità si è deteriorata, ma questo problema è stato risolto in parte tramite l'elettronica e l'ottica. L'equipaggio siede nel serbatoio e lo lascia passare attraverso la porta, posizionata dietro, che, ancora una volta, riduce la vulnerabilità delle persone in caso di necessità di lasciare l'auto che brucia.

Il serbatoio di Merkava ha armi gravi: un cannone di calibro di 120 mm, un mortaio da cui è possibile sparare, senza sporgere dalla carena corazzata, potenti mitragliatrici.

L'unicità di questa macchina è che è dotata di un vano di zabornevym, che consente di portare truppe o nascondere i feriti, raccolti sul campo di battaglia. Questa soluzione di progettazione non ha analoghi nel serbatoio mondiale, peggiora la manovrabilità e le caratteristiche di velocità, ma la specificità del teatro mediorientale e un approccio speciale alle possibili perdite di combattimento sono diventati la ragione per la sua adozione.

Dal 1979 il serbatoio Merkava è stato modificato quattro volte e ogni volta ha eliminato le carenze riscontrate durante i combattimenti. L'ultima variante (Mk 4) è considerata la più perfetta, molteplici soluzioni tecniche sono state applicate nel suo design, dalla più semplice e incredibile della sua originalità, come le sfere di ferro sulla superficie dell'armatura, attivando l'inizio precoce di proiettili cumulati, fino a dispositivi tecnici molto complessi. Queste ultime includono l'attrezzatura di avvertimento per la cattura di obiettivi da parte dei sistemi attivi anti-serbatoio missilistici attivi e il sistema attivo di difesa del Trofeo che rileva e distrugge ATGM. Tuttavia, contro i più convenzionali lanciatori di granate anti-serbatoio è impotente.

Il serbatoio Merkava non può essere chiamato assolutamente invulnerabile, non c'è affatto un equipaggio militare. La cosa principale che i progettisti israeliani hanno raggiunto è che, con la sua sconfitta, la probabilità della morte dell'equipaggio è ridotta il più possibile.